Il portale turistico cefaludese

Basilica Cattedrale

La Chiesa è preceduta da un ampio sacrato elevato sul livello della piazza, al quale si accede per mezzo di una scalinata. La facciata della cattedrale è rinserrata tra due possenti torri con monofore e bifore coronata da cuspidi di disuguale struttura: quella di destra, a forma di piramide, richiama la mitra del vescovo, e quindi la potestà religiosa; quella di sinistra, poliedrica, richiama la corona regia.

Un interessante motivo ornamentale, che impreziosisce l’esterno del Duomo, è la serie di archetti intrecciati che, a mo’ di corona, cingono la parte superiore. La parte inferiore presenta un profondo portico a tre arcate, la centrale a tutto sesto e le laterali ad arco acuto, sotto il quale si apre la “ Porta Regum”, porta dei Re, con bellissimo portale a cinque ghiere concentriche riccamente scolpite.

Leggi tutto: Basilica Cattedrale

Basilica Cattedrale

La Chiesa è preceduta da un ampio sacrato elevato sul livello della piazza, al quale si accede per mezzo di una scalinata. La facciata della cattedrale è rinserrata tra due possenti torri con monofore e bifore coronata da cuspidi di disuguale struttura: quella di destra, a forma di piramide, richiama la mitra del vescovo, e quindi la potestà religiosa; quella di sinistra, poliedrica, richiama la corona regia.

Un interessante motivo ornamentale, che impreziosisce l’esterno del Duomo, è la serie di archetti intrecciati che, a mo’ di corona, cingono la parte superiore. La parte inferiore presenta un profondo portico a tre arcate, la centrale a tutto sesto e le laterali ad arco acuto, sotto il quale si apre la “ Porta Regum”, porta dei Re, con bellissimo portale a cinque ghiere concentriche riccamente scolpite.

Leggi tutto: Basilica Cattedrale

Museo Mandralisca

Situato nella omonima via, il Museo Mandralisca nasce per volontà del barone Enrico Piratino di Mandralisca . Uomo “universale” per spirito ed educazione vissuto nel XIX sec che, alla sua morte, decise di lasciare alla città il suo patrimonio.

Il museo comprende una biblioteca di circa seimila volumi, ricca di cinquecentine, una vasta raccolta numismatica, i cui pezzi sono esemplificativi dell’arte della monetazione siceliota: dall’arcaismo maturo al periodo dei maestri monetieri. La pinacoteca raccoglie opere di vari epoca, tra le quali il famosissimo “Ritratto di ignoto” di Antonello da Messina.

Leggi tutto: Museo Mandralisca

Chiesa di Santo Stefano o del Purgatorio

La chiesa di Santo Stefano, detta anche del Purgatorio, per l’annesso Oratorio della Confraternita delle anime del Purgatorio, si affaccia sulla piccola piazza Giovan Battista Spinola. Il prospetto è caratterizzato da un ampio portale in pietra grigia arricchito da sculture in rilievo raffiguranti le anime purganti, cornici e maschere. 

Vi si accede da una scalinata inizialmente ad unico invito, che, dopo un piano di riposo, si apre a tenaglia movimentando tutto il complesso architettonico tipicamente barocco. 
La torre di destra è stata sfortunatamente deturpata da una costruzione di età posteriore; quella di sinistra, culminante in una cuspide, funge da campanile.

Leggi tutto: Chiesa di Santo Stefano o del Purgatorio

Chiesa di S. Maria della Catena

Edificata nel 1780 e dedicata a Maria SS. Della Catena o dell’Addoloratella, la chiesa presenta un elegante prospetto in tufo con una loggia sorretta da pilastri ed affiancata da due nicchie contenenti due statue e una terza nicchia con la statua della Madonna. 

Il prospetto è completato dalla torre campanaria la cui base ingloba i resti delle antiche mura megalitiche della città. 

L’interno della chiesa è particolarmente semplice con una sola navata e priva di abside e transetto. 

Leggi tutto: Chiesa di S. Maria della Catena

Osterio Magno

L’Osterio magno, il cui termine indica il palazzo signorile della città, si trova sul Corso Ruggero, ad angolo con la via Amendola.
L’edificio consta di due parti risalenti a epoche diverse. Più antica, del 200 circa, è la parte bicroma (in pietra lavica e dorata) che si affaccia su via Amendola, impreziosita da due bifore. Adiacente a questa, la torre quadrangolare edificata nel 300 in cui si apre un’elegante trifora sormontata da un elaborato arco in stile chiaromontano.

Secondo la tradizione, l’edificio fu la residenza di re Ruggero e dal XIV sec. appartenne al casato dei Ventimiglia.

Leggi tutto: Osterio Magno

Lavatoio Medievale

Di probabile origine medievale, il lavatoio raccoglie le acque della sorgente Cefalino, annoverata dal Boccaccio nell’opera “ Il libro dei monti e dei fiumi del mondo ”. 

Per una scalinata in lumachella si scende sino ad un vano, caratterizzato da basse volte dove l’acqua, sgorgando dalle numerose bocche lungo le pareti, defluisce tra le vasche scavate nella roccia e sfocia in mare attraverso una piccola cava sotto le abitazioni. 

“ U ciumi” (il fiume), così chiamato dagli abitanti di Cefalù, veniva utilizzato sino a non molti decenni fa per la purezza delle sue acque decantata nel distico di Vincenzo Auria del 1655 riportato sulla parete della scalinata: “Qui scorre Cefalino, più salubre di qualunque altro fiume, più puro dell’argento, più freddo della neve”.

Tempio di Diana

Il Tempio che sorge sulla Rocca è un misterioso rudere di struttura megalitica con architrave monolitico elegantemente modato, comunemente noto come il Tempio di Diana. L’edificio, sorto tra la fine del V e gli inizi del IV sec. a.C., è costituito da due vani caratterizzati da due porte architravate, simili alla principale, dislocati ai lati di un corridoio in fondo al quale si possono vedere i resti di una cisterna protostorica del IX sec. a.C. La cisterna, con copertura di tipo dolmenico, è costituita da otto grossi lastroni poggiati sui bordi della cavità e su una specie di architrave che grava su un pilastro centrale formato da quattro blocchi sovrapposti.

Leggi tutto: Tempio di Diana

Mura di Fortificazione

Le mura di fortificazione costituiscono, insieme al Duomo, uno dei tratti più caratterizzanti della cittadina. Esse seguivano in basso la linea di costa per ricongiungersi in alto alla difesa naturale della Rocca.

Lungo la fortificazione si aprivano quattro porte, i quattro accessi alla città dei quali, oggi, è possibile vedere alcuni resti: “porta terra” a piazza Garibaldi, “porta dell’arena” o “porta d’ossuna” a piazza Cristoforo Colombo, “porta pescara” sul mare verso ovest e “porta giudecca”, presso la chiesetta di Sant’Antonio.

Leggi tutto: Mura di Fortificazione